Articoli

Paratò Festival 2018 – Whisky & Coca

La storia dei Whisky & Coca è una storia come mille altre che sono accadute nel misterioso mondo della musica, un incontro casuale fra due giovani ragazzi appassionati di musica che si è rivelato magico ed irripetibile nel tempo.
Una coppia (Walter & Johnny) che doveva incontrarsi per forza, voluta, forse, da un destino già disegnato, come raramente accade. Due musicisti che con pochi mezzi e tanto entusiasmo hanno fatto del rock la loro ragione di vita.
Sono partiti da esperienze diverse e lontane ma che proprio nella loro diversità hanno trovato una forza ed una completezza unica. Tanto, purtroppo anche per la loro veneranda età, da diventare un punto di riferimento per i tanti giovani musicisti locali.

Walter (Walter Angeloni) carismatico cantante e chitarrista ritmico si è avvicinato alla musica ascoltando i grandi padri del rock’n’roll (Elvis – Chuck Berry – Little Richard – Jerry Lee Lewis – Fats Domino ecc…) rimanendone folgorato giovanissimo, tanto da formare il suo primo gruppo all’età di 16 anni inserendo nel repertorio gran parte dei successi storici del rock anni ’50, che ancora oggi ripropone con lo stesso entusiasmo. Poi ovviamente c’è stata una evoluzione passando dai Beatles – Rolling Stones – i grandi gruppi degli anni ’70 – e molta musica west coast – southern rock che formano il repertorio attuale dei Whisky & Coca.

Johnny (Giancarlo Fagotti) nato in Venezuela ragazzo prodigio della chitarra, tanto da diventare un virtuosissimo chitarrista capace di affascinare tanti giovani ragazzi che grazie a lui si sono avvicinati alla musica.

“Molti imparano a suonare, lui è nato per suonare“, questa fu la storica frase che Walter disse quando lo sentì suonare la prima volta. Anche se lui scherzosamente in pubblico ripete sempre “l’ho raccolto che frugava nell’immondizia e grazie a me è diventato una star”.

I Whisky & Coca si esibiscono da quasi 30 anni (ahimè) hanno calcato palcoscenici e locali di buona parte dell’Italia, Germania, Svizzera e non hanno nessuna intenzione di fermarsi, almeno finché ci sarà qualcuno disposto ad applaudirli.

Il loro è uno spettacolo funambolico fatto si di tanta buona musica ma anche di comiche gags e infinita autoironia, con le loro chitarre senza fili si tuffano in mezzo al pubblico coinvolgendolo e rendendolo parte dello show.

Tanto che i primi a divertirsi sono proprio loro, chissà che non suonino solo per il proprio piacere…non lo saprete mai…l’importante è che vi divertiate anche voi e su questo potete scommetterci la camicia…anzi il cappello…